01/09/2022 - Le FAQ sui cavi LAN, cavi allarme e cavi per rilevazione incendio

Domande Frequenti sui cavi per networking, cavi allarme e cavi per rilevazione incendi.

Le domande frequenti sui cavi LAN, allarme e rilevamento incendi


Esistono cavi LAN resistenti al fuoco ?

Esistono cavi LAN che, per un certo tempo, possono continuare a lavorare anche in condizione di incendio.
Solitamente vengono impiegati per sistemi audio di emergenza o per connettere apparati il cui funzionamento è vitale anche in caso di incendio. Solitamente non passano al 100% i comuni test di certificazione a causa del fatto che renderli resistenti al fuoco determina un sensibile peggioramento delle caratteristiche trasmissive. Anche per questi cavi vige l’obbligatorietà di certificarne la reazione al fuoco secondo la Direttiva CPR.

Posso installare il connettore RJ direttamente sul cavo ?

L’architettura di sistema vuole che il cavo, che collega il patch panel di piano al PC, venga terminato su una presa di utente; da qui, per mezzo di un cavo flessibile (patch cord), si dovrebbe connettere il PC alla rete.

Non sempre questo è possibile così qualcuno ha cominciato a distribuire connettori RJ45 che possono essere installati direttamente sul cavo. Se il cavo non è soggetto a particolari stress meccanici (piegature ripetute) la soluzione, sebbene non sia ottimale, è accettabile.

Cavi LAN con conduttori in CCA. Quali differenze con il rame ?

L’argomento è molto ampio. In linea generale possiamo dire che i cavi per cablaggio strutturato con conduttori in CCA (alluminio ramato), ad oggi, non sono contemplati in alcuna norma tecnica sebbene il loro uso sia ormai molto diffuso.
Su questo argomento sono ancora aperte molte discussioni all’interno dei comitati tecnici internazionali. Il loro uso è discrezionale da parte dell’installatore, che deve essere ben informato in merito ai limiti di questa tecnologia rispetto ai cavi con conduttori in rame.
Un conduttore in CCA, se realizzato a regola d’arte (nessun trattamento galvanico), in frequenza, si comporta come un normale conduttore in rame. Bisogna però tenere in considerazione la più alta resistenza elettrica,che ne limita l’impiego in caso di sistemi Poe, e la minor resistenza meccanica, che richiede una particolare attenzione in fase di installazione (posa e inserimento connettori).

Cosa determina la categoria di un cavo LAN ?

I cavi LAN si differenziano per categoria. Ad ogni categoria corrisponde una frequenza di lavoro ben precisa che ne determina la possibilità di utilizzo per differenti applicazioni. Di seguito una breve carrellata:

  • U/UTP Cat.5e – Frequenza massima 100 MHz – Adatto per sistemi a 10/100/1000 Mbps
  • F/UTP Cat.5e – Frequenza massima 100 MHz – Adatto per sistemi a 10/100/1000 Mbps
  • U/UTP Cat.6 - Frequenza massima 250 MHz – Adatto per sistemi a 10/100/1000 Mbps 10* Gbps
  • F/UTP Cat.6 - Frequenza massima 250 MHz – Adatto per sistemi a 10/100/1000 Mbps 10* Gbps
  • U/UTP Cat.6A - Frequenza massima 500 MHz – Adatto per sistemi a 10/100/1000 Mbps 10 Gbps
  • S/FTP Cat.7 - Frequenza massima 600 MHz – Adatto per sistemi a 10/100/1000 Mbps 10/40* Gbps
  • S/FTP Cat.7A - Frequenza massima 1.000 MHz – Adatto per sistemi a 10/100/1000 Mbps 10/40* Gbps

*Verificare la distanza max del link ammessa per queste applicazioni

Quali sono le norme tecniche settoriali per i cavi networking ?

Per il cablaggio strutturato esiste una norma di sistema che è la EN 50173 e numerose norme di prodotto differenziate in base alla categoria (Cat.5e, 6, 6A, 7 e 7A), alla schermatura (non schermati U/UTP, schermati sul totale F/UTP e schermati per coppie S/FTP)  e alla tipologia di impiego (dorsale o cordone di collegamento). Di seguito riassumiamo le principali:

Specifica generica CEI-EN 50288-1 / CEI 46/79

Cavi per dorsali per edificio e cablaggio orizzontale:

  • U/UTP Cat.5e (100 MHz) - CEI EN-50288-3-1 / CEI 46/87
  • F/UTP Cat.5e (100 MHz) - CEI EN-50288-2-1 / CEI 46/80
  • U/UTP Cat.6 (250 MHz) - CEI EN-50288-6-1 / CEI 46/133
  • U/UTP Cat.6A (500 MHz) - CEI EN-50288-11-1 / CEI 46/185
  • F/UTP Cat.6 (250 MHz) - CEI EN-50288-5-1 / CEI 46/131
  • S/FTP Cat.7 (550 MHz) - CEI EN-50288-10-1 / CEI 46/184
  • S/FTP Cat.7A (1.000 MHz) - CEI EN-50288-9-1 / CEI 46/183

Sul nostro sito puoi trovare i cavi F.M.C. per il netowrking:

Perché non trovo più le dizioni grado 2, grado 3 e grado 4 sui cavi allarme ?

Con l’introduzione della norma CEI UNEL 36762 queste distinzioni sono diventate superflue ed obsolete.
Infatti, per poter essere utilizzato insieme a cavi energia con tensione di esercizio U0/U 0,6/1KV, è sufficiente che il cavo sia C4 .

Quale è la norma tecnica per i cavi allarme e anti intrusione?

La norma tecnica è la CEI 46/76 che è stata rivisitata di recente dal Comitato Elettrotecnico che ha aggiunto, ai cavi a coppie già presenti nella prima edizione,  i cavi a multi conduttore.

Posso posare un cavo allarme insieme a cavi energia ?

Un cavo di segnale in Classe 0 (cavo coassiale, lan, telefonico, allarme, etc..) può essere posato insieme a cavi energia, aventi una tensione di esercizio (Uo/U) 0,6/1KV, quando questo è contrassegnato con la sigla C-4 (UO=400V) CEI UNEL 36762 oltre ad avere una Euro-class CPR compatibile con quella degli altri cavi posti in coesistenza.

Sul nostro sito puoi trovare i cavi allarme Micro Tek F.M.C.

E' necessario utilizzare un cavo PH120 per i sistemi audio di evacuazione d'emergenza?

La norma CEI 20/105 V2 stabilisce che i cavi utilizzati per la rilevazione incendi (sensori, rivelatori di fumo, sgancio porte, etc..) e audio di emergenza , realizzati in accordo con la norma UNI 9795, devono avere una resistenza al fuoco di 30 minuti (PH-30) o 120 minuti (PH-120) a discrezione del progettista.

Quanto deve resistere al fuoco un cavo per la rilevazione incendi o audio di emergenza ?

La norma CEI 20/105 V2 stabilisce che i cavi utilizzati per la rilevazione incendi ( sensori , rivelatori di fumo , sgancio porte , etc.. ) e audio di emergenza , realizzati in accordo con la norma UNI 9795, devono avere una resistenza al fuoco di 30 minuti (PH-30) o 120 minuti (PH-120). Questi cavi normalmente lavorano con tensioni di esercizio non superiori ai 48Vdc. Qualora si debbano impiegare cavi con tensione di esercizio maggiore (Uo/U = 300/300 , 450/750 o 0,6/1KV), questi devono essere conformi alla norma CEI 20/45 V2 e la resistenza al fuoco deve essere di 120 minuti (PH-120).

Posso posare un cavo anti incendio insieme a cavi energia ?

Un cavo di segnale in Classe 0 (cavo coassiale, lan, telefonico, allarme, etc..) può essere posato insieme a cavi energia, aventi una tensione di esercizio (Uo/U) 0,6/1KV,  quando questo è contrassegnato con la sigla C-4 (UO=400V) CEI UNEL 36762 oltre ad avere una Euro-class CPR compatibile con quella degli altri cavi posti in coesistenza.

I cavi per rilevamento incendio Micro Tek F.M.C.